Nelle scorse settimane Italia Nostra ha inoltrato ai Sindaci della provincia di Lecce una formale diffida tendente a bloccare o almeno frenare la diffusione incontrollata di impianti eolici e fotovoltaici sul presupposto  che le prescrizioni del piano energetico regionale si sono rivelate inadeguate a governare il fenomeno delle localizzazioni e che pertanto è saltato qualsiasi principio di pianificazione. Al fine di sollecitare i primi cittadini a dare riscontro alla diffida sono partite in questi giorni alcune lettere di sollecito finalizzate all’acquisizione delle risposte da parte degli Enti. A Maglie la lettera di sollecito è stata inoltrata il 26 febbraio congiuntamente da Italia Nostra, dal Comitato Civico e dall’Associazione Torremozza.

Leggi la Diffida di Italia Nostra ai Comuni

Leggi richiesta di incontro al Sindaco di Maglie

Annunci