Così viene definito Berlusconi sul sito di Beppe Grillo: un ectoplasma che appare e scompare. Afferma e nega. E’ il presidente del Consiglio e non lo è (infatti il vero presidente è Tremonti). E’ il presidente del Milan (quando vince) e non lo è (quando perde tocca a Galliani). Incita all’evasione e la combatte. E’ uno e bino. E’ ottimista sulla ripresa ma teme di fare la fine della Grecia. Un fantasma che si aggira per l’Italia, ma non sa di esserlo. Esiste solo perché qualcuno lo ascolta. Ma “i fantasmi non esistono… li creiamo noi, siamo noi i fantasmi!“.

http://www.beppegrillo.it/2010/06/questo_fantasma.html

Quindi il dato di fatto è che Berlusconi è un fantasma; il postulato è che i fantasmi non esistono perchè li creiamo noi; il corollario è che siamo noi i veri fantasmi! Perfetto: a questo punto si spiega tutta la strategia giudiziaria del cavaliere: se è un fantasma non può essere processato; se non lo è  (perchè i fantasmi siamo noi come dice Grillo) non puo’ essere processato da giudici-fantasmi. Era così chiaro..come mai nessuno ci aveva pensato? e dunque in questi anni di cosa si sono occupati i magistrati? Proviamo a riepilogare:

– Lodo Mondadori: corruzione semplice
– All Iberian 1 : finanziamento illecito ai partiti
– Processo Lentini: falso in bilancio; Falsa testimonianza
– Acquisto dei terreni di Macherio : falso in bilancio (primo capo di imputazione)
– All Iberian 2 : falso in bilancio, assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato in seguito alle riforme del Governo Berlusconi II
– Processo SME: corruzione giudiziaria
– Tangenti alla Guardia di Finanza: assolto per insussistenza del fatto
– Medusa cinematografica: falso in bilancio, assolto in quanto potrebbe non essere stato al corrente dei fatti contestati
– Sme-Ariosto 1: corruzione giudiziaria nei confronti di Renato Squillante, assolto per insussistenza del fatto
– Sme-Ariosto 2: falso in bilancio, assolto perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato in seguito alle riforme del Governo Berlusconi II
– Acquisto dei terreni di Macherio: imputazione per appropriazione indebita, frode fiscale, falso in bilancio (secondo capo di imputazione)
– Diffamazione aggravata dall’uso del mezzo televisivo
– Corruzione dell’avvocato David Mills: mentre Mills è stato condannato in primo grado e secondo grado, con prescrizione di una parte della condanna in Cassazione (confermato solo il risarcimento dovuto alla Presidenza del Consiglio dei ministri, parte civile nel processo), Berlusconi è ancora in attesa della sentenza, ormai non più vincolata al Lodo Alfano dopo la bocciatura dello stesso da parte della Corte costituzionale.

E allora “Questi Fantasmi” non fanno che ricordare la famosa omonima commedia di Eduardo che, al succo, trasmette una sola morale: dove non vogliamo vedere “uomini” ci conviene vedere fantasmi; ma è una convenienza che comporta un costo altissimo.